Le Auree

Al fine di rendere più chiare le spiegazioni teoriche riguardo la costituzione occulta dell'uomo e della donna, esposte nell'ottavo quaderno, ovvero nel primo libro di Archeosofia (vedi), riportiamo qui di seguito alcuni disegni fatti da un veggente e riportati in un libro di Leadbeter.

Sono immagini esplicative che si commentano da sole.

Foto camera Kirlian

(Clicca sulle immagini per ingrandirle)

Queste foto sono state scattate con una macchina fotografica particolare detta camera Kirlian. Sono la punta dei polpastrelli di persone prima e dopo la meditazione.

Meditante abituale prima della meditazione

Meditante abituale dopo la meditazione

Non meditante abituale prima della meditazione

Non meditante abituale dopo la meditazione

Meditante abituale -tipo guaritore- prima della meditazione

Meditante abituale -tipo guaritore- dopo la meditazione

Le Auree

(Clicca sulle immagini per ingrandirle)

Corpo causale del selvaggio

Corpo causale dell'uomo non evoluto

Corpo causale dell'uomo medio

Corpo astrale del selvaggio

Corpo mentale dell'uomo medio

Corpo astrale dell'uomo medio

Ecco come si trasforma l'aura quando siamo in preda ad un attacco d'ira. Questo è un forte attacco, in cui il soggetto potrebbe anche uccidere.

L'uomo medio innamorato

 

 

Esplosione di affetto, come potrebbe essere di una madre per il suo piccolo

 

Aurea di un tipo devozionale. Non è così male: magari l'uomo comune fosse così!

Aurea dell'avarizia

 

Tipo scientifico

 

Le forme-pensiero

(Clicca sulle immagini per ingrandirle)

Timore improvviso

Ad un tavolo di biscazzieri

Davanti ad un quadro

Ad una prima recita

La volontà di sapere e la stessa ma in senso egoistico (le spirali)

Nonostante l'apparenza queste forme pensiero sono state viste ad un funerale

In un naufragio

Forme pensiero viste in un incidente stradale

Forma pensiero di ambizione egoistica

Esplosione d'ira

Affetto ben definito

Simpatia e amore universali

 

Visto ad un incontro con un amico

 

 

Tratto dal primo libro di Archeosofia, ovvero dall'ottavo quaderno, ci piace qui riportare quello che scrive Tommaso Palamidessi a proposito dei colori dell'aura dell'uomo e della donna, osservando che questi significati si rispecchiano anche nei quadri e nelle icone.

I colori della psiche e della sua aura

Chi osserva il fantasma di un vivente sdoppiato o di un defunto oppure di una persona nello stato normale di veglia, noterà una sagoma tenuemente luminosa con delle chiazze a colori fosforescenti.

La nebulosa che ricalca la forma del corpo fisico somiglia ad un grande uovo; è un'atmosfera energetica di atomi astrali i cui colori, ora forti ora delicati, indicano a quale livello morale e iniziatico si trova l'individuo esaminato.

Il punto di concentrazione di questa atmosfera ovoiforme è il "Corpo Causale ", ma si può spostare anche in altri punti. L'aura colorata porta l'impronta di tutto lo spettro della luce: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco, violetto. Le tonalità del rosso sono le più grossolane, mentre le nobili si avvicinano al violetto. Riassumiamo qui il significato dei colori del "corpo emozionale":

Nero:

le dense nubi auriche e quindi del corpo astrale, quando tendono al nero indicano uno stato psichico di malizia e odio. Un veggente che osservi chi si trova in preda ad un eccesso d'ira, la vedrà con le sue tremende forme pensiero aleggianti nella sua aura, simili a spire di fumo velenoso e pesante, sintomo evidente di odio.

Bruno:

il colore ruggine, rosso bruno e opaco è avarizia. Se si dispone in sbarre parallele, è una crisi di avarizia. Un grigio-bruno svela egoismo. Bruno verdognolo con lampi rosso-scuri o scarlatti: gelosia.

Rosso:

come guizzi o lampi rosso-scuro, di solito su di uno sfondo nero, denota l'ira, e se c'è il bruno, avremo l'egoismo nell'ira. Chi viene oltraggiato oppure oppresso e prova una nobile indignazione, allora rivela dei lampi di scarlatto sullo sfondo dell'aura. La sensualità tinge l'aura di un rosso livido e sanguigno.

Cremisi:

è la manifestazione dell'amore con una gamma di sfumature. Opaco, greve e amalgamato con il bruno dell'egoismo quando l'amore considera quanto affetto riceve dagli altri. Se l'amore è genuino e si dona senza pretese di riconoscenza in uno slancio di volenteroso offrirsi alla persona amata, allora si esprime con uno stupendo e amabile colore rosa; se poi questo rosa è brillantissimo con sfumature di lilla, allora l'aura esprime l'amore più spirituale verso l'umanità. Da queste osservazioni che abbiamo tratto le basi per una Ascesi spirituale utilizzando nell'Arte pittorica i colori che possono, usati a lungo, plasmare e modificare la coscienza dell'artista e farne un Iniziato per il Regno di Dio.

Arancione:

è il sintomo dell'ambizione e dell'orgoglio, e si trova spesso associato all'irritabilità.

Giallo:

alto grado di intellettualità. Tinta più scura e opaca se l'intelletto è orientato verso il basso, e si fa ancora più cupa se questa intellettualità volge a scopi egoistici. Quando le finalità sono elevate e più altruistiche, allora il colore è di un brillante oro e chiaro luminoso come il giallo della margherita.

Grigio - piombo:

esprime una profonda depressione. Se in linee parallele si ha avarizia e prigionia morale. Un grigio livido è sintomo di uno stato di terrore.

Azzurro chiaro:

il colore azzurro chiaro oltremare o cobalto indica la devozione per un ideale spirituale nobilissimo, e se questo colore sale gradualmente a un blu-lìlla luminoso dimostra una spiritualità superiore, mentre le tendenze elevate spirituali, le eccelse aspirazioni sono segnate dallo stesso colore accompagnato da scintillanti stelle d'oro. Se si vede nell'aura un azzurro chiaro o scuro, abbiamo il sentimento religioso; ma si possono avere dei sentimenti puri oppure da bigotti, dove c'è nobiltà o egoismo, e in questo caso si passa alle sfumature dell'indaco e del viola intenso o al grigioblu fangoso dei bassi culti.

Verde:

è un colore che dev'essere studiato con acume. Il grigio-vede limoso indica tradimento e astuzia. Si trova presso i selvaggi e la gente poco evoluta. Il verde chiaro-smeraldo è versatilità, ingegnosità, molte risorse, ma senza malizia né intenzioni cattive. È il colore di chi si prodiga per gli altri, ma cerca la loro lode e compiacimento e il favore solo per aiutarli a potenziarsi. Quando il verde diventa di un bel pallido luminoso azzurro, allora svela la compassione, la simpatia e l'adattabilità. Una forte vitalità è segnalata da un chiaro verde-mela.

Ultravioletto:

è il più puro ed elevato sviluppo delle facoltà psichiche.

Infrarosso:

indica basse facoltà psichiche dei mago nero, facoltà che all'Archeosofo e alla gente onesta ripugnano.