Anno 1988

La betulla, albero della saggezza

La Betulla.chiamata l'albero della saggezza", era nota agli antichi Greci e Romani come uno strumento di castigo. Plinio il Naturalista, vissuto fra il 23 e il 79, nella sua "Storia Naturale" racconta che si traevano da questo albero delle verghe per fustigare i cattivi scolari che non volevano apprendere la saggezza.

La santa abbadessa Hildegarda (1098-1178), nel suo trattato di medicina "Causae et curaell", menziona per la prima volta il decotto della Betulla (Betula Alba) per cicatrizzare le ulcere e gli ascessi. Nel 1350 il bavarese Conrad di Megenberg, canonico di Ratisbona e medico, descrisse nella sua "Farmacopea" come raccogliere il succo di Betulla per utilizzarlo contro i calcoli renali. Il celebre alchimista olandese Giovan Battista Van Helmont segnala questo albero medicinale non solo come ottimo per espellere i calcoli, ma anche come diuretico, e depurativo per chi ha subito l'azione deleteria dei sortilegi.

Per esperienza personale, possiamo dire che le gemme raccolte a febbraio-marzo, sfruttando la giusta fase lunare e la posizione astrologica di Venere, in infuso al 3% (gr.3 in gr.100 di acqua), sono un sicuro solvente del colesterolo e dei calcoli del fegato.

Gemme, colori, fiori e segni zodiacali

Ad ogni Segno Zodiacale corrispondono una pietra preziosa, un colore ed un fiore favorevoli. Questo significa che volendo (o volendosi) offrire un gioiello, dovendo scegliere dei colori per l'abbigliamento per arredare la propria casa e dei fiori per adornarla, se questa scelta verrà fatta in base ai criteri che indichiamo, sarà apportatrice di fortuna e di buoni influssi.

E questo vale anche nel caso in cui si debba fare un dono: un semplice mazzo di fiori può diventare qualcosa di veramente personale e speciale.

Vediamo ora quali sono le corrispondenze astrologiche per i dodici Segni:

Segno zodiacale Pietra Colore Pianta
ARIETE rubino rosso geranio
TORO agata verde-azzurro gelsomino
GEMELLI berillo grigio ciclamino
CANCRO selenite bianco giglio
LEONE topazio arancione lavanda
VERGINE diaspro blu gardenia
BILANCIA diamante verde smeraldo mughetto
SCORPIONE ametista viola garofano
SAGITTARIO turchese celeste violetta
CAPRICORNO onice nero lavanda
ACQUARIO zaffiro nero e giallo verbena
PESCI acquamarina azzurro loto

Contro la gengivite

Decotto di:

  • Malva fiori gr.20
  • Altea pianta gr.20
  • Acqua gr.500

Bollire per cinque minuti inun recipiente non metallico. Colare e fare degli sciacqui 4-5 volte al giorno fino alla scomparsa del disturbo. (Formula tratta dal Ricettario erboristico di Tommaso Palamidessi).

Contro le vene varicose

Impacchi di:

  • Edera rampicante foglie fresche

Ridurre in poltiglia le foglie ed applicarle sulle varici, alla sera e al mattino, fasciando leggermente per tenere l'impacco fermo. Nel caso di ulcere, lavare prima le foglie e la parte ammalata con acido borico. (Formula tratta dal Ricettario erboristico di Tommaso Palamidessi).

Contro la digestione difficile e l'acidità gastrica

Elisir di:

  • Assenzio fiori gr.20
  • Arancio buccia fresca gr.20
  • Limone buccia fresca gr.10
  • Acquavite gr.100
  • Vino bianco lit.1

Tenere in macerazione le erbe in una bottiglia ben chiusa per 8 giorni, agitando spesso. Filtrare e aggiungere gr.200 di zucchero sciolto a caldo in poca acqua e poi fatto raffreddare. Bere un bicchierino 1/2 ora prima dei pasti come stimolante dell'appetito, oppure ½ dopo i pasti come digestivo. (Formula tratta dal Ricettario erboristico di Tommaso Palamidessi).